Diabete e internet: un mondo virtuale non sempre virtuoso

PDF Stampa E-mail
(3 voti, media 5.00 di 5)
Rubriche - Attualità
Scritto da La Redazione   

diabete internet

Oggi quando si ha bisogno di qualche informazione, prima ancora di chiedere agli esperti o a chi sappiamo possa darci la risposta, ci siamo abituati a cercare su internet. Perché più veloce, meno impegnativo rispetto al contatto diretto e, a volte, anche più divertente.

I medici e, ancor di più, i diabetologi sono spesso alle prese con pazienti che arrivano nei loro studi, armati di iPad o stampate di pagine internet, a chiedere spiegazioni o ragguagli rispetto alle loro scoperte virtuali.

Spesso, per fortuna dei medici, si tratta di confermare e corroborare le informazioni riportate su questi documenti, ma capita non di rado di dover smontare delle teorie paramediche o new age che possono avere rischiose conseguenze, se messe in pratica, sulla salute del paziente, convinto di aver trovato una soluzione efficace ai suoi problemi di salute.
Un caso eclatante è quello delle nuove diete che promettono risultati eccezionali in poco tempo e senza grossi sforzi.
Soprattutto in caso di diabete possono risultare molto pericolose perché mettono a repentaglio il già difficile equilibrio metabolico che con tanti sforzi si cerca di raggiungere adattando alimentazione, attività fisica e terapie farmacologiche alla situazione personale di ogni persona con diabete.

121198159Se cerchi trovi...comunque!

Qualunque cosa cerchi, trovi sempre qualcosa: è questo il primo segreto del successo dei motori di ricerca (Google, Yahoo, Bing...). Sono innanzitutto una risorsa inesauribile e in continuo e costante aggiornamento di informazioni e indicizzazione di contenuti.
Ora non ci resta che capire però “cosa abbiamo trovato?” e per scoprirlo dobbiamo spulciare tra i risultati ottenuti almeno sulla prima pagina e non sempre si ha la fortuna di capitare sul sito giusto al primo tentativo.
Tanto più quando si cercano materiali virtuali particolari e autorevoli, come nel caso specifico del diabete, dell’alimentazione e della salute in generale.

Spesso capita che le informazioni scientificamente autorevoli siano sufficientemente incomprensibili agli occhi di un “non medico” (magari perché in inglese, come gli studi clinici, o per il linguaggio estremamente tecnico che utilizzano) e che, invece, le informazioni appetibili e affascinanti nella forma (perché sintetiche, colorate e d’impatto) risultino prive di ogni fondamento scientifico o, addirittura, dannose per la salute.
Non a caso l’impegno redazionale di GLUNews è proprio offrire una giusta via di mezzo fra questi due estremi: fornire informazioni puntuali, corrette e aggiornate in modo sintetico, comprensibile e anche piacevole.
Ricordate che esiste www.glunews.net dove potrete trovare quello che cercate a proposito di diabete e, se non lo trovate, segnalatecelo!

strumenti webIl web, i suoi strumenti e le persone.

Per navigare usiamo ormai diversi strumenti che si accomunano solo (e chissà per quanto ancora varrà questa comunanza) per il fatto che osserviamo il web attraverso un monitor, da quello del computer di casa a quello dei telefonini di ultima generazione (gli smartphone), passando per i tablet e tutti i dispositivi portatili dotati di accesso alla rete.
Può sembrare superfluo, ma l’accesso alla rete in movimento, tramite apparecchiature mobili è un enorme risorsa per tutti e in particolar modo per coloro che davvero necessitano di risposte in tempo reale indipendentemente da dove si trovino fisicamente, proprio come le persone con diabete.

Per questo motivo si stanno diffondendo tutta una serie di declinazioni portatili per ogni tipo di contenuto o servizio virtuale sotto forma di App, WebApp, siti che si sviluppano in versione mobile prima ancora che nella versione tradizionale, implementando tutto ciò che questi nuovi strumenti portatili mettono a disposizione: dai servizi di geolocalizzazione alla messaggistica privata.

Anche GLUNews avrà presto una sua dimensione portatile dedicata, in modo da essere sempre a disposizione dei suoi lettori con i suoi servizi, i suoi strumenti e le sue rubriche, anche se già da oggi è possibile fruire dei contenuti del portale attraverso qualunque dispositivo dotato di accesso alla rete: perciò restate sintonizzati su www.glunews.net e fateci sapere cosa, secondo voi, è ancora da fare per migliorare il servizio dedicato alle persone con diabete e ai loro famigliari!

 

Commenti 

 
0 #1 Claudio Barmotta 2012-11-13 11:13
Sono da un paio d'ore sul vostro sito e tutti gli articoli sono veramente interessanti. Grazie
 

Articoli Correlati

app

GLUNews su Play Store  app store badge

banner-laterale

Trova il CAD più vicino

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

La Community di GLUNews

Scopri tutti i vantaggi di far parte della community di GLUNews. Clicca qui

cucina banner

Con il patrocinio di

AID banner

Con il contributo informativo di

logo ANSA